Veruska, suo marito Davide e i loro tre figli, stanno cercando di realizzare il loro sogno,  condividere un cohousing con altre due famiglie con figli.

Per realizzare il loro sogno, mettono a disposizione un casolare di loro proprietà, completamente da ristrutturare, dal quale si possono ricavare tre unità abitative, più gli spazi comuni. Veruska e la sua famiglia cercano persone con le quali costruire una comunità di intenti, alle quali piaccia vivere in campagne e la campagna, non rinunciando alle comodità di abitare a breve distanza dal centro di Nonantola, dove vi sono tutti i servizi essenziali (asili, scuole, palestre e luoghi per attività sportive e di ricreazione).

Le caratteristiche di ciò che già abbiamo e di ciò che vorremmo realizzare:

  • abbiamo un casolare di crca 600 mq con annessi 3000 mq di terreno agricolo;
  • abbiamo una famiglia entusiasta, tenace, con le idee chiare e la voglia di condivisione;
  • si possono realizzare tre abitazioni indipendenti di circa 100/110 mq ciascuna;
  • i restanti 200 mq vengono dedicati agli spazi condivisi;
  • il terreno esterno utilizzato in parte a giardino e in parte a orto, alla coltivazione di frutti e la possibilità di tenere degli animali da cortile.

In particolare parliamo di:

spazi condivisi – alcune idee sono già state espresse da Veruska, sulle attività da svolgere nello spazio condiviso, ma proprio perchè si chiama condiviso, l’utilizzo di tale spazio sarà deciso da tutti coloro che faranno parte del cohousing. In ogni caso l’idea generale sarebbe quella di creare in questo spazio un laboratorio dove svolgere attività didattiche che possono essere condivise con l’esterno (associazioni, circoli ecc.), una grande cucina dove preparare ottime cene per gli amici e dove possono essere confezionate, marmellate, conserve, torte, che potrebbero essere commercializzate con le opportune regole. Ovviamente saranno ricavati anche degli spazi a servizio delle abitazioni, come lavanderia comune, spazi gioco per i bambini.

risparmio energetico – particolare attenzione rivolgiamo a tutti gli accorgimenti tecnologici e di materiali che ci consentono di realizzare un edificio in classe energetica A.Valuteremo la possibilità di realizzare in particolare: impianto fotovoltaico e solare, geotermia, recupero dell’acqua piovana e dedicheremo particolare attenzione alla scelta dei materiali da costruzione, infissi esterni e finiture. L’obiettivo al quale vorremmo tendere sarebbe quello di realizzare un complesso abitativo completamente indipendente e svincolato dalla rete cittadina di gas ed elettricità, realizzando non solo un risparmio economico (niente bollette) ma anche l’opportunità di vendere il surplus di elettricità alla rete cittadina tramite il conto energia. Ricordiamo che gli incentivi e gli sgravi fiscali sono stati prorogati, pertanto per tutto ciò che verrà realizzato tenendo conto del risarmio energetico (impianti e materiali ecocompatibili) si potrà richiedere lo sgravio fiscale.

contesto ambientale – il casolare è situato a circa 4 km dal centro abitato ai confini con un bosco (riserva naturale della LIPU)

Annunci