In questi mesi di silenzio, il vicinato elettivo, rappresentato da Claudia Fortunato, insieme a Massimo Giordano dell’associazione E-cohousing di Bologna, Massimiliano Massimelli consulente nel settore no-profit e Alexander Di Stefano esperto nel settore dell’innovazione tecnologica, abbiamo costituito l’Associazione Co-Ab che si occuperà di cohousing, coworking e sharing.

pagina facebook: associazione Co-Ab

l’indirizzo mail: associazionecoab@gmail.com

Il blog : http://associazionecoab.wordpress.com

Di seguito pubblichiamo la presentazione dell’Associazione e il link del questionario sul cohousing compilabile on line. Con le risposte al questionario formeremo una banca dati che, chiarirà le esigenze, le possibilità e i desideri dei futuri cohouser. Questa banca dati, ci permetterà di fare incontrare richiesta, espressa dai cohouser, e offerta, proposte abitative dell’associazione, in modo più puntuale eliminando incomprensioni che, rubano tempo e risorse. Il questionario offre, oltre la formazione di una banca dati, la possibilità di fare il passo successivo e cioè la formazione di gruppi omogenei, cioè gruppi di persone che hanno espresso le medesime, o similari, richieste sul questionario. Grazie per la vostra partecipazione.

link questionario: http://bit.ly/1etULyy

Presentazione

Mission

L’Associazione CO-Ab si ispira ai valori della decrescita dei consumi, della convivenza e della partecipazione attiva, del rispetto e della tutela dell’ambiente, dell’ecosostenibilità.

Coerentemente l’Associazione intende promuovere, muovendosi nell’alveo della decrescita, esperienze di co-abitazione e di condivisione improntate alla partecipazione, all’ecosostenibilità e alla solidarietà.

In particolare, in tempi di crisi come quelli attuali, progetti quali cohousing, coworking, autocostruzione, housing sociale, sono uno strumento reale per la loro forte valenza sociale e si muovono nella corretta direzione per costruire un futuro sostenibile e felice.

L’Associazione CO-Ab crede infatti nel valore della felicità. E non ha paura di affermarlo!

Obiettivi strategici

Partendo dalla consapevolezza che ci vuole coraggio, se non un briciolo di incoscienza, per operare in un settore pioneristico in Italia e di farlo in un momento di crisi diffusa, l’Associazione CO-Ab, raccoglie la sfida e si propone di perseguire i seguenti obiettivi:

‣    Diventare una sharing agency;

‣    Trovare una sostenibilità economica dell’ente;

‣    Sviluppare la base associativa;

‣    Strutturare collaborazioni nazionali ma anche internazionali;

‣    Partendo dal più prossimo territorio di Modena e Bologna, estendere il territorio di riferimento.

Attività

Coerentemente con i valori e le finalità istituzionali, l’Associazione intende promuovere progetti ed iniziative volte a:

‣    divulgare e promuovere la modalità abitativa del cohousing e di altre forme di coabitazione e di condivisione, attraverso convegni, manifestazioni o campagne di sensibilizzazione;

‣    promuovere, progettare e realizzare nuove iniziative che si ispirino ai suddetti principi, fornendo aiuto e sostegno:

‣ nell’individuazione di immobili e persone interessate ad aderire ad un progetto di cohousing, housing sociale, coworking o sharing;

‣  nella creazione e nella gestione del gruppo che partecipi attivamente a tali iniziative;

‣  nella progettazione tecnica improntata all’architettura ecosostenibile;

‣  nella individuazione di strategie economico-finanziarie per supportare tali iniziative;

‣  nella predisposizione degli strumenti giuridici necessari affinché il gruppo individuato possa dotarsi di un idoneo assetto istituzionale;

‣   nel rapportarsi con gli enti e le amministrazioni locali.

‣    accompagnare ed affiancare gruppi di persone che vogliono avvicinarsi alle suddette forme di coabitazione e di condivisione;

‣    sostenere concrete iniziative ispirate ai principi propri della coabitazione, del cohousing, del coworking, della condivisione e dello sharing e della decrescita;

‣    svolgere in proprio o in partnership con alte associazioni ed enti ricerche su aspetti pratici, economici e sociologici propri di tali forme di coabitazione e condivisione;

‣    Realizzare prevalentemente abitazioni con certificazione energetica A, A+ con costi complessivi per i cohousers mai superiori a 2.600,00 €/mq di superficie commerciale. Il costo può variare in relazione ad alcuni fattori fondamentali quali: la zona territoriale e la classe energetica (comunque non inferiore alla classe B), e comprende tutte le fasi della “filiera costruttiva”, acquisizione, conduzione del gruppo, progettazione partecipata e realizzazione costruttiva;

‣    Promuovere preferibilmente, interventi di ristrutturazione e riqualificazione degli edifici e del territorio, evitando per quanto possibile di “consumare” territorio agricolo e non ancora urbanizzato.

L’Associazione intende promuovere tali attività con l’apporto attivo dei propri soci, e dei membri del gruppo partecipante alle iniziative di coabitazione e condivisione, mediante le tecniche di conduzione dei gruppi e di progettazione partecipata.

A tal fine l’Associazione si avvale:

–  delle competenze tecniche necessarie in ogni ambito di intervento, a partire da quelle fornite dai propri soci;

–  delle partnership con Enti Locali ed altre Associazioni che perseguono finalità coerenti e affini;

–  si interfaccerà con quegli Enti Erogativi ed Istituti di Credito che possono sostenere iniziative di coabitazione e di condivisione.

L’Associazione potrà dare la sua collaborazione ad altri Enti per lo sviluppo di iniziative che si inquadrino nei suoi fini. Essa dovrà tuttavia mantenere sempre la più completa indipendenza.

Le progettualità dell’Associazione si rivolgono all’intero territorio nazionale, non escludendo partnership o collaborazioni internazionali, senza limite territoriale alcuno. Vengono individuati come territori privilegiati per le iniziative associative quelli corrispondenti alle province di Modena e Bologna e alla regione Emilia Romagna.

La storia dell’associazione

L’Associazione CO-Ab è di recente costituzione, e conta sulla fattiva collaborazione e partecipazione di due enti che hanno maturato significative esperienze in campo di sharing, cohousing e cittadinanza attiva.

Il primo è E’/Co-housing, Presidente Massimo Giordano. Dopo essersi dedicato al teatro sperimentale per circa dieci anni, si interessa alle tematiche della decrescita e delle buone pratiche fondando il circolo “Ecologisti SPA”. Da questa esperienza nella primavera del 2008 nasce l’Associazione “E’/Cohousing” che si occupa della promozione di modelli abitativi innovativi e sostenibili nel territorio di Bologna. Nella primavera del 2010 è co-fondatore della rete italiana cohousing. Infine dalla associazione E’/cohousing, è nata la cooperativa “Cohousing Mura San Carlo” che sta realizzando il primo condominio solidale e sostenibile a San Lazzaro di Savena (BO), interamente in legno (x/lam) ad alta efficienza energetica, promotore di buone pratiche nella comunità MSC quali: banca del tempo, G.A.S., attività culturali e sportive.

Il secondo è il Vicinato Elettivo dell’arch. Claudia Fortunato. Laureata in architettura con tesi di laurea sulle energie alternative e master in architettura sostenibile, dal 2009 si occupa di progettare e realizzare strutture ecosostenibili a basso consumo energetico. Nello stesso anno inizia ad interessarsi alle tematiche di cohousing, intervenendo in vari convegni anche internazionali  come “vicine di casa vicine di vita” organizzato dalla Regione Emilia Romagna.

Nel 2010 partecipa alla fondazione  della Rete Italiana cohousing, con il gruppo “il vicinato elettivo” che si impegna nella divulgazione e nella formazione di gruppi di cohouser nel territorio modenese. Nel giugno 2013 organizza un convegno a Modena, “Cohousing ai tempi della crisi” al quale intervengono anche le istituzioni del Comune di Modena sensibili al tema del cohousing.

L’Associazione CO-Ab si avvale inoltre, tra i suoi soci sostenitori nonché fondatori, dell’apporto di professionisti che vantano esperienze nei settori in cui l’Associazione vuole muoversi.

In particolare, il Consigliere Alexander Di Stefano, laureato in architettura presso la facoltà di Firenze e ingegneria alla Tu di Berlino. Opera nel campo dell’edilizia occupandosi principalmente di vagliare l’acquisizione di immobili e terreni che, siano compatibili con la sostenibilità finanziaria e urbanistica. Da molti anni lavora nel settore dell’innovazione tecnologica, impiantistica, illuminotecnica, dei materiali e dei sistemi costruttivi. Lo studio, effettuato in questo campo e l’attività di ricerca sono stati requisiti sostanziali, per offrire e soddisfare  le esigenze abitative, senza incidere in modo significativo sui costi di costruzione. Inoltre coordina anche gli interventi sul piano finanziario e assicurativo per soddisfare e tutelare le persone lungo il loro percorso.

Il Consigliere Massimiliano Massimelli si occupa da parecchi anni di consulenze nel settore del non profit, sia dal punto di vista strutturale-amministrativo, sia economico e di raccolta fondi. Da alcuni anni si interessa in particolar modo di quelle iniziative che sposano i valori della decrescita e della condivisione. Coniuga competenza e passione in differenti settori, dall’amministrazione alla comunicazione, al servizio di buone cause che promuovano capitale sociale.

Collaborazioni e reti strutturate

Attualmente l’Associazione CO-Ab può contare sulla collaborazione dei due enti citati, E’/Co-housing e il Vicinato Elettivo.

L’associazione E’/Cohousing intende a partire dal prossimo anno legarsi maggiormente al proprio territorio di riferimento, ovvero San Lazzaro (Bo). I soci che non vantino un legame particolare con detto territorio verranno inviatati ad aderire a CO-Ab. Attualmente E’/Cohousing conta una mailing list di circa 300 contatti e una base associativa di circa 30 soci.

I soci fondatori si stanno muovendo per costituire attorno all’Associazione una rete di contatti e collaborazioni utili ai fini delle progettualità che l’Associazione vuole promuovere.

In particolare si stanno cercando, e per fortuna trovando, contatti con le Istituzioni, a partire da quelle più prossime alla dimensione locale (Comune di Bologna, Comune di Modena).

Inoltre si stanno sviluppando partnership con enti e associazioni che a vario titolo possono essere interessate a partecipare a progetti di sharing (Mondo Donna). Inoltre si stanno felicemente consolidando contatti e relazioni con professionisti attivi nel settore di attività dell’Associazione. Particolarmente interessante la collaborazione con l’architetto svedese Ingela Blomberg, che sta pubblicando una raccolta di cohousing in Europa, citando, nella sezione italiana anche il cohousing di San Lazzaro e il vicinato elettivo.

Infine l’Associazione CO-Ab intende prendere contatto e intessere relazioni con la

Rete Italiana Cohousing.

Informazioni economiche

Le attività dell’Associazione si autofinanziano con le sottoscrizioni dei soci, eventi, partecipazioni a bandi. I soci sostenitori possono valutare di effettuare contributi e sottoscrizioni particolari in ragione delle particolari esigenze economiche dell’Associazione nella fase di start up.

Al momento le quote associative: vengono fissate nella misura di:

‣    € 5 per i soci ordinari;

‣    € 40 per i soci sostenitori.

 

Annunci